@treminuti > Salute e benessere > I richiami alimentari del 2018 > Vitello tonnato Gastronomia d’Italia ritirato dal mercato per listeria

Vitello tonnato Gastronomia d’Italia ritirato dal mercato per listeria

Potrebbe essere contaminato da listeria monocytogenes, è stato quindi disposto il richiamo per il vitello tonnato a marchio “Gastronomia d’Italia”

Vitello tonnato Gastronomia d’italia ritirato dal mercato per listeria
Vitello tonnato Gastronomia d’italia ritirato dal mercato per listeria

Ritirato dal mercato per contaminazione da listeria monocytogenes vitello tonnato marchio Gastronomia d’Italia. Il richiamo è stato pubblicato sul sito del ministero della salute in data 21/11/2018. Il dicastero ha disposto il ritiro dal mercato dell’alimento per rischio microbiologico. La listeria, infatti, è un batterio che può risultare pericoloso per l’organismo mettendo in pericolo la salute dei consumatori, in particolar modo le categorie già deboli.

I dettagli del prodotto

I dettagli dell’alimento richiamato sono i seguenti: vitello tonnato pronto all’utilizzo alimentare a marchio Gastronomia d’Italia, prodotto da LA SORGENTE SRL nello stabilimento di Via Aldo Moro 6 – Pessano con Bornago (MI). Commercializzato da SMA SPA, strada 8, palazzo n, 20089 Rozzano (mi) il vitello tonnato si presenta in confezione di plastica trasparente da 230 grammi. La data di scadenza indicata è 24 e 26 novembre 2018.

Nella nota di richiamo è indicato che l’alimento potrebbe essere contaminato da listeria monocytogenes, Nonostante l’incertezza sulla tossicità, trattandosi di un batterio molto pericoloso la raccomandazione per i consumatori è di astenersi dal consumo del Vitello tonnato Gastronomia d’Italia.

Vitello tonnato Gastronomia d’Italia contaminato con listeria: i rischi per la salute

Il batterio listeria monocytogenes è molto resistente alle condizioni ambientali. Per questo motivo è considerato un agente contaminante molto attivo. E’ responsabile di una patologia chiamata listeriosi che, nei casi meno gravi, presenta sintomi simili all’influenza con febbre, nausea, vomito e spossatezza.
Nelle donne in stato di gravidanza può causare aborto spontaneo o la morte del feto. Nei casi più importanti la listeriosi è responsabile della meningite.

Considerati i rischi per la salute, i consumatori sono invitati a prestare attenzione all’alimento in questione non consumandolo. Nell’eventualità che caso l’avessero già acquistato si consiglia di disfarsene con cura o riportarlo presso il punto vendita segnalando il caso all’esercente.