@treminuti > Salute e benessere > I richiami alimentari del 2019 > Salame Citterino: ritirato dal commercio per rischio microbiologico

Salame Citterino: ritirato dal commercio per rischio microbiologico

Nel richiamo per il salame Citterino viene indicato il rischio microbiologico senza specificare l’agente patogeno contaminante. Viene invocato un Regolamento che desta perplessità circa i reali motivi del provvedimento.

Salame Citterino ritirato dal commercio per rischio microbiologico, quest’ultima dicitura appare nella nota dell’8 marzo 2019 emessa dal ministero della salute. Secondo i criteri di codifica la classifica di rischio microbiologico indica la presenza, all’interno dell’alimento, di agenti patogeni.

Appare singolare che non viene indicato l’agente patogeno contaminante ma, nella nota del dicastero, a giustificare il richiamo viene invocata la seguente dicitura: “prodotto non conforme ai criteri di sicurezza alimentare di cui al Reg. 2073/05.

La citata norma è un regolamento della Commissione Europea che richiama gli standard di sicurezza alimentare che le aziende di produzione devono rispettare a tutela della salute dei consumatori. Nello specifico, detta i principi generali per la fabbricazione di alimenti, le prove per la verifica della loro conformità, le norme di controllo di qualità e altri criteri e standard per il riscontro della bontà dei prodotti confezionati.

Tutto il regolamento, naturalmente, considera i pregressi fenomeni di contaminazione avvenuti in ambito comunitario. La norma, non reca alcun riferimento a casi specifici di intossicazioni particolari tali da giustificare il richiamo di un singolo prodotto ma, come accennato, detta le “specifiche tecniche” da adottare negli stabilimenti di produzione alimentare.

Appare quindi singolare la motivazione addotta per il salame Citterino, ritirato dal commercio per rischio microbiologico. Ciò anche alla luce dei precedenti richiami i quali, quando sono classificati come a “rischio microbiologico”, portano chiaramente la dicitura dell’agente patogeno contaminante.

Salame Citterino: ritirato dal commercio per rischio microbiologico

Per le precedenti considerazioni il richiamo appare poco indicativo se non fuorviante. Ciò non toglie che l’invito per i consumatori è di non acquistare né consumare il salame Citterino richiamato.

Le specifiche del prodotto segnalato sono le seguenti: Salame citterino lotto n. 3523-51 con data di scadenza non indicata e commercializzato in pezzi sfusi di circa 200 gr. Il salume è stato confezionato negli stabilimenti dell’azienda Giuseppe Citterio Salumificio spa – Via Ticino 105 Santo Stefano Ticino.

Motivo del richiamo “prodotto non conforme ai criteri di sicurezza alimentari di cui al Reg. 2073/05”. Tuttavia, resta un mistero sia la causa del richiamo che l’eventuale microrganismo contaminante.