Prosciutto cotto con listeria, staphylococcus aureus ed enterobacteriaceae

Prosciutto cotto a fette contaminato con listeria, staphylococcus aureus ed enterococco, questa è il riepilogo dell’allerta alimentare lanciato dal RASFF (Food and Feed Safety Alerts). L’agenzia europea, il cui compito è di diramare comunicati relativi alla sicurezza alimentare, con la notifica 2017.2039 del 27 novembre 2017 è stata chiara; il livello di rischio per la salute è serio. E’ stato disposta un indagine presso le aziende per i successivi provvedimenti.

Prosciutto cotto con listeriaQualche giorno fa la Migros Ticino aveva richiamato preventivamente delle confezioni di prosciutto cotto a fette nostrano per presenza di listeria.  Le specifiche del prodotto sono le seguenti: numero d’articolo 2315.020.960.00 e n° di lotto 17018619, da vendersi entro il 26.11.2017 e da consumarsi entro il 28.11.2017. Non è chiaro se l’azione di Migros Ticino è poi scaturita nell’attuale allerta della RASFF, visto che riguarda lo stesso tipo di alimento. Sta di fatto che nel documento di richiamo, oltre che alla Svizzera, viene indica anche l’Italia come paese di origine del prosciutto cotto in questione.

Dal campionamento, effettuato il 13 novembre 2016, è stata riscontrata presenza dei seguenti agenti patogeni:

 

Nello stessa circostanza sono emersi anche microrganismi non patogeni, nello specifico: piastre aerobiche in quantità 80000000  CFU/g e un alto quantitativo di Enterobacteriaceae (1500 CGU/g)

Leggi anche: La lista dei cibi da evitare di coldiretti e ministero della salute

Prosciutto cotto a fette con listeria, staphylococcus aureus ed enterobacteriaceae: i paesi dove è presente

 Nel comunicato dell’agenzia europea, come luoghi di origine del prosciutto cotto a fette contaminato con  listeria, staphylococcus aureus ed enterobacteriaceae vengono indicati sia la Svizzera che l’Italia. Sarebbe presente solo in entrambi questi paesi.  Trattandosi di prodotto già affettato si presuppone che sia stato messo in vendita nella grande distribuzione alimentare. In quella direzione sono state avviate le azioni per bloccare la diffusione del prodotto. L’interesse è ora rivolto al ministero della salute italiano per eventuali notizie che meglio identifichino i lotti da richiamare.

Prosciutto cotto a fette con listeria, Staphylococcus aureus ed enterobacteriaceae: i rischi per la salute

La concatenazione di molteplici agenti dannosi alla salute rilevati nel prosciutto cotto a fette oggetto dell’allerta devono indurre i consumatori a prestare una particolare attenzione. Se consumato, i danni alla salute posso essere importanti. In particolare la listeriosi. nei casi meno gravi ha una sintomatologia simile all’influenza. Nei casi più importanti può provocare danni seri al sistema nervoso. Nelle donne in gravidanza può indurre l’aborto. Per lo stafilococco aureus, valgono le stesse indicazioni riportate per la listeriosi.

 


Loading...

Post navigation