Pomodorini Decò ritirati dal mercato: fitofarmaco in eccesso

Per i pomodorini marchio Decò è scattato il provvedimento di richiamo per presenza in eccesso di Clormequat, un fitofarmaco pericoloso per la salute

Pomodorini decò ritirati dal mercato

Per rischio chimico il Ministero della salute, in data 10-10-2018, ha emesso un avviso di richiamo dal mercato di un lotto di Pomodorini Decò per presenza di fitofarmaco in eccesso. Il provvedimento del Ministero si deve al riscontro nell’alimento di Clormequat in quantità superiore a quanto stabilito dal regolamento CE n. 396/2005 e successive modifiche e integrazioni. Le confezioni di pomodorini sono state ritirate dal mercato e dal commercio.

Cos’è il clormequat

Si tratta di un prodotto fitosanitario utilizzato per la regolazione della crescita delle piante. In quantità eccedente i limiti di legge è dannoso per la salute umana. Da qui il provvedimento di richiamo per i pomodorini Decò.

Potrebbe interessarti: Croazia: pomodori italiani con pestidica ritirati dal mercato

Pomodorini Decò ritirati dal mercato: il lotto oggetto del provvedimento

L’ortaggio ritirato dal mercato è contrassegnato dal numero di lotto LA213 con termine di scadenza minimo del 31/12/2020. L’azienda di produzione dei pomodorini marchio Decò è la Conserve Alimentari Futuragri società consortile agricola per azioni.

Lo stabilimento si trova in zona industriale ASI, località Incoronata in provincia di Foggia. I pomodorini oggetto del ritiro dal commercio si presentano in scatola di metallo da 400 grammi. I consumatori, secondo quanto sottolineato nel richiamo del ministero, nel caso li avessero già acquistati sono invitati a non consumarli e restituirli presso il punto di acquisto.

Presenza di Clormequat negli alimenti: i rischi per la salute

L’agenzia europea EFSA (Eurepean Food Safety Authority) si è pronunciata riguardo il clormequat, il fitofarmaco rinvenuto nei pomodorini Decò. Nella nota di richiamo, la quantità di fitofarmaco rilevata al campionamento non viene specificata . Tuttavia, secondo l’EFSA, in caso di intossicazione acuta i sintomi sono irritazione alla bocca o alla gola, vomito, nausea, dolori addominali e mal di testa

Nel 2010, dei lotti di uva proveniente dall’India con clormequat in eccesso hanno causato un’allerta alimentare serio nell’area europea. Dalla vicenda è emerso che i bambini sono particolarmente sensibili all’intossicazione da questo prodotto fitosanitario. Pertanto, massima attenzione al prodotto segnalato considerando che i bambini sono una categoria più esposta.

 


Post navigation