@treminuti > Salute e benessere > I richiami alimentari del 2018 > Lidl: uova fresche in stato di decomposizione maxi sequestro a Catania

Lidl: uova fresche in stato di decomposizione maxi sequestro a Catania

 

Lidl: uova fresche in stato di decomposizione maxi sequestro a Catania

In un comunicato del 29/09/2018 i NAS (Nucleo Anti Sofisticazione) segnalano di aver provveduto al sequestro cautelativo di 700 uova fresche in evidente stato di decomposizione. Nonostante ciò erano esposte presso un punto vendita LIDL di Catania. All’arrivo dei militari, il prodotto era sugli scaffali venduto in varie confezioni ma le uova, gia a vista, si presentavano rotte, imbrattate e invase da larve di insetti.

La segnalazione è venuta da un consumatore che ha allertato le forze dell’ordine. Nel supermercato LIDL di Via Felice Fontana a Catania i carabinieri del NAS hanno rinvenuto e sequestrato le 700 uova in evidente stato decomposizione. Nonostante l’evidente stato di alterazione ancora erano sui banconi di vendita a disposizione dei consumatori.

Secondo quanto si apprende nel comunicato dei NAS, le uova “si presentavano rotte, imbrattate e invase da larve di insetti”. L’immediato intervento degli ispettori medici veterinari dell’ASP di Catania ha poi portato alla chiusura dell’intero reparto del supermercato, ritenuto inagibile a causa della grave contaminazione.

Un 42enne del luogo, responsabile del punto vendita, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria perché ritenuto colpevole di aver posto in commercio alimenti non idonei al consumo umano.

Potrebbe interessarti:  Uova fresche con salmonella ritirate dal mercato

Lidl: uova fresche in stato di decomposizione maxi sequestro a Catania

Risultando alla vista marce e infestate da larve dovranno essere eseguiti accertamenti clinici sulle uova  per determinare il tipo di contaminazione che le ha portate a decomporsi.

Lidl: uova fresche in stato di decomposizione maxi sequestro a Catania

Appare evidente che in tali condizioni non dovevano essere esposte né tantomeno vendute. La prassi ora vuole che il prodotto sia tracciato per risalire fino all’allevamento di provenienza, per verificare la conformità igienica dello stesso.

Va da sé che nella filiera che porta dall’allevamento alla vendita, con nel mezzo il trasporto delle uova, deve essere accaduto un evento che ha determinato l’alterazione del prodotto.

Resta da chiedersi con quale criterio LIDL abbia lasciato esposto ai consumatori un alimento che già alla vista risultava inidoneo al consumo.