Chi era Leone Jacovacci il pugile nero del Duce?

Leone Jacovacci il pugile nero del duce

Leone Jacovacci il pugile nero del duce

Uscirà il 21 marzo il film di Tony Saccucci “Il pugile del Duce”. L’occasione è la giornata mondiale contro il razzismo. Ma chi era Leone Jacovacci il pugile nero del duce? Italiano ma di colore, Leone Jacovacci nel 1928 vinse il titolo europeo dei pesi medi. Il regime fascista, per motivi ideologici, non volle esaltare le gesta del boxer di origine congolese e la sua vittoria, nonché la sua storia, finì nell’oblio.

Ci sono voluti 90 anni per far in modo che a Jacovacci fossero riconosciuti i giusti meriti e questo grazie al film di Tony Santucci.

Jacovacci nasce da un ingegnere italiano che va in Congo per lavoro e che si unisce ad una ragazza del luogo.

 



Riportato a Roma, di indole irrequieta, fugge più volte da casa fino a salpare su una nave inglese. Qui apprende i primi rudimenti della nobile arte. Dopo alterne vicende diventa pugile professionista e combatte in molti paesi dell’europa. Il regime del duce non vuole riconoscerlo italiano e dopo quattro anni di dure battaglie gli concede la cittadinanza.

Da Italiano combatte e arriva ad essere campione europeo dcolpirei medi, titolo oscurato dal regime ma guadagnato sul ring. “Il merito di questo film va tutto al libro di 480 pagine di Mauro Valeri Nero di Roma. È lui che mi ha dato la spinta emotiva per questo lavoro a cui ho lavorato maniacalmente in maniera filologica”, ha spiegato Saccucci.

Non resta che aspettare che esca nelle sale per dare il giusto riconoscimento al pugile Italiano.


Post navigation