Le fasi del sonno

Dal non-REM alla fase REM le fasi del sonno nel dettaglio

le fasi del sonno

Passiamo molto tempo a dormire senza magari sapere che attraversiamo diverse fasi del sonno. La cosa certa che il sonno è importante alla salute psico-fisica. E’, infatti un processo fisiologico che coinvolge diverse componenti del sistema nervoso. Gli studiosi hanno appurato che mentre dormiamo delle specifiche cellule cerebrali risultano più attive.

Riposare poco e male può essere deleterio; si hanno delle ripercussioni negative sulla qualità della vita. Non ha caso in medicina è stata codificata la sindrome da insonnia o da mancanza del sonno.

Le prestazioni lavorative o scolastiche ne risentono, così come l’umore. L’insonnia predispone allo stress, alla depressione e all’ansia. Dormire bene, attraversando tutte le fasi del sonno è quindi vitale, anche per non incorrere in spiacevoli conseguenze fisiche anche importanti.

Potrebbe essere di utilità l’articolo: Rimedi naturali per insonnia

Le fasi del sonno – dal non-REM al sonno REM

Il sonno si compone principalmente di due fasi che si alternano per 4/5 volte durante l’evento. Il non-REM, o sonno lento, è suddiviso a sua volta in 4 cicli che vanno dalla fase di addormentamento fino al sonno profondo, o fase REM. Quest’ultima, fra le fasi del sonno, è caratterizzata da rapidi movimenti oculari ed elevata attività cerebrale, durante la quale avvengono i sogni.

Durante il sonno non-REM viene prodotto, in modo elevato, l’ormone della crescita, vitale per la salute fisica mentre nel sonno. Nella fase REM avviene l’aumento del flusso sanguineo verso il cervello favorendone l’attività.

Durante la nostra vita, il fabbisogno di sonno diminuisce con l’avanzare dell’età. Un neonato dorme fino a 18 ore, un adolescente 9-10 ore contro le 7 -8 di un adulto.

Le persone anziane arrivano fino a 6 ore. Naturalmente queste sono dati indicativi, comunque strettamente legati alla soggettività della persona. Ciò che conta è la qualità del sonno. L’importante è alzarsi riposato, se non si verifica questa condizione si deve correre ai ripari cercando di individuare la causa del cattivo riposo rimuovendola.