@treminuti > Costume e società > Le dieci regole per evitare le frodi online

Le dieci regole per evitare le frodi online

Le dieci regole per evitare le frodi online

L’era digitale ha pervaso ogni ambito della vita sociale; dal lavoro ai servizi fino ad arrivare all’economia spicciola. Tutte aree  un tempo analogiche, che viaggiavano tradizionalmente su carta, ora transitano su linee internet.

La sicurezza online – o cybersicurity – è divenuta ormai un’esigenza imprescindibile per tutelare la propria privacy, i propri dati più o meno sensibili e i propri averi. Insomma, per evitare di cadere in inganni digitali. Le regole per non farsi truffare ci sono, poche e precise, l’importante è conoscerle.

Le statistiche sono impietose e suggeriscono che sono aumentate le truffe veicolate attraverso il web e i mezzi tecnologici in genere. Le persone più sprovvedute,, non di rado, cadono in vere e proprie trappole digitali e rischiano di farsi ingannare e di perdere il loro denaro.

Le regole per evitare le frodi online sono quei comportamenti da adottare per tenersi lontano dai guai. In pratica si tratta di norme di buon senso che servono a schermarsi da coloro che, più tecnologicamente smaliziati, sono in grado di commettere furti e raggiri approfittando della mancanza di consapevolezza da parte delle persone meno esperte.

Purtroppo, duole constatarlo, la maggior parte delle vittime sono persone anziane e sole. Esse, culturalmente, sono poco portate a districarsi nei meandri delle dell’era digitale risultando essere più esposte ai raggiri tecnologici. Le regole per evitare le frodi online valgono per loro e per tutti coloro che si trovano a utilizzare internet nelle attività della vita quotidiana.

I comportamenti truffaldini, infatti, si affinano e si evolvono e non sempre gli utenti più esperti sono in grado di riconoscere le nuove trappole che si annidano nella rete. Ciò non toglie che le regole di base per schermarsi da truffe online sono poche, ben definite e di buon senso, e seppur banali mettono al riparo da coloro che quotidianamente tentano di raggirare qualche malcapitato più o meno sprovveduto.

Le dieci regole per evitare le frodi online

Sull’argomento: VPNfilter virus, migliaia di router a rischio: allarme dalle autorità USA

Le dieci regole per evitare le frodi online

Come accennato, le regole e i comportamenti per scongiurare una truffa online non sono molte e, più che altro, sono norme di buon senso. Esse devono arrivare ad essere una forma mentis fino a divenire dei comportamenti che aumentano il livello di sicurezza mentre si agisce attraverso una tastiera, una linea internet o addirittura telefonicamente.

Le regole per non farsi truffare:

1. Non pubblicare sui social network immagini di documenti di riconoscimento o di atti dai quali si possa risalire alla vostra identità o che possono essere associati alla vostra persona.

2. Non inserire dati personali in siti poco sicuri, sconosciuti, inaffidabili o che non godano di una reputazione consolidata. Soprattutto se tali portali promettono di ottenere lavoro, soldi o vantaggi di qualsiasi natura.

3. Le transazioni online sono ormai all’ordine del giorno e gli acquisti vengono effettuati con carte di credito, o di debito a cui spesso è associato un PIN. Tale dato, il PIN, deve essere conservato in un posto sicuro e non deve essere comunicato ad altri. Men che meno deve essere pubblicato sui social network o tenuto all’interno della rubrica del telefono cellulare. Il posto più sicuro è la memoria.

4. Mai tenere assieme carte di credito, bancomat e PIN.

5. Diffidare dalle persone che contattano telefonicamente o per mail richiedendo dati personali di qualsiasi natura.

6. Diffidare di chi, spacciandosi per appartenente a un’autorità di qualsiasi ente o natura, richieda dati personali.

7. Diffidare di chi, attraverso qualsiasi mezzo tecnologico, vi contatta per aggiornare i dati nei sistemi.

8. In caso di qualsiasi dubbio riguardo la bontà di una chiamata o di una comunicazione astenersi dal fornire le informazioni che vengono richieste per riservarsi, in un secondo momento, di chiamare direttamente l’ente o l’istituto da cui si è stati interpellati per verificare la genuinità della richiesta.

9. Non rispondere o attivare link proveniente da mail su cui si nutrono dei dubbi. Ricontattare l’eventuale mittente dell’avviso per verificare l’originalità della comunicazione.

10. Le forze dell’ordine hanno istituito delle sezioni ad hoc per rispondere al fenomeno delle truffe tecnologiche. In caso di dubbio contattare le autorità di polizia segnalando eventuali casi che destano sospetti.

Basta poco per avere  più sicurezza.

Commissariato di PS online