@treminuti > Storia > Curiosità della storia > La breccia di Porta Pia – la prima fake news italiana

La breccia di Porta Pia – la prima fake news italiana

La prima fake news italiana, come ogni bufala che si rispetti, riguarda un evento che ebbe una enorme portata storica. La presa di Roma. Un episodio importante, risalente al 20 settembre del 1870, che sancì la fine dello stato pontificio e del potere temporale dei papi.

Molti dei contemporanei che non poterono verificare di persona, credettero che il varco nelle mura aureliane, ad opera dell’esercito italiano, fu fatto proprio nella piazza. In realtà il tutto avvenne a qualche centinaio di metri sulla destra di Porta Pia, nell’odierna corso d’Italia.

Questa falsa convinzione sulla breccia fu fatta circolare ad arte il primo giorno dell’unità d’italia,  per questo c’è da considerarla la prima fake news italiana.

La breccia di Porta Pia – la prima fake news italiana

A quei tempi non esistevano i social network. I mezzi di propaganda erano altri: la carta stampata, le cartoline e le foto. Non tutti avevano uno smartphone adatto anche per i selfie, e soltanto in pochi possedevano i mezzi e le capacità per fotografare.

paese sera. la breccia di porta pia - la prima bufala italiana

Per trasmettere e dar risalto all’avvenimento, la propaganda dell’ormai unificato regno d’Italia ebbe il compito di produrre un’immagine rappresentativa.

Ad un importante fotografo dell’epoca, Gioacchino Altobelli, fu commissionata la foto ufficiale dell’evento. L’idea era di dare la massima importanza alla battaglia.

Di certo, gli “addetti stampa” del regno pensarono che collocare la battaglia al centro della piazza sarebbe stato di maggior effetto. Soprattutto perché la Porta Pia, era ed è così chiamata in quanto fu fatta edificare da papa Pio V. Quale miglior luogo per screditare il potere pontificio, ultimo ostacolo all’unificazione italiana.

La foto venne eseguita, fu data alla stampa, e ne fu fatta anche una cartolina commemorativa. La notizia dell’impresa fece il giro del mondo, proprio sulla base di quella foto.

Da qui l’attribuzione della presa di roma ad una battaglia avvenuta proprio sulla piazza, anziché ad un centinaio di metri sulla destra.

prima bufala italiana
La foto ritoccata dall’immagine ufficiale.

Alla prima foto, qualche buontempone aggiunse anche qualche soldatino e un pò di fori in più sulle mura aureliane. Il classico ritocco per darle maggior rilievo. Una bufala nella bufala.

Naturalmente gli studiosi definiscono l’immagine un falso storico. Poiché fu la prima foto ufficiale dell’unificazione del regno d’italia, c’è da considerarla la prima fake news italiana