@treminuti > Salute e benessere > varie consumatori > Il sistema di allerta alimentare: dal richiamo alla segnalazione al RASFF, passando per il ritiro dal mercato

Il sistema di allerta alimentare: dal richiamo alla segnalazione al RASFF, passando per il ritiro dal mercato

Il sistema delle allerte alimentari: dal richiamo alla segnalazione al RASFF, passando per il ritiro dal mercato

Quante volte abbiamo sentito o letto: prodotto alimentare richiamato oppure ritirato dal mercato. Per non parlare di segnalazione al RASFF Sono tutti provvedimenti restrittivi che riguardano alimenti che rappresentano un pericolo per la salute dei consumatori. Tali disposizioni, nel loro insieme, rappresentano il sistema di allerta alimentare.

In particolare, si tratta di una serie di meccanismi snelli, strutturati e collaudati per garantire la qualità di ciò che il consumatore pone sulla sua tavola. L’obiettivo è fare in modo che non venga in contatto, e quindi mangi,  cibi potenzialmente pericolosi per la salute umana.

Il sistema di allerta alimentareormai attivo da anni, è disciplinato in maniera condivisa dai paesi membri UE. Consente non solo alle autorità sanitarie nazionali ma anche a quelle europee di intervenire nel caso si verifichi un’anomalia alimentare tale da porre in pericolo la salute dei consumatori. Questo avviene dietro il sostegno di norme comunitarie precise e specifiche riguardanti la qualità dei prodotti commestibili in circolazione in una nazione o nell’area comunitaria.

Il sistema di allerta alimentare: richiamo, ritiro e segnalazione al RASFF

Diversi sono gli attori coinvolti nelle varie tipologie di intervento che sono il richiamo alimentare, il ritiro dal mercato e la segnalazione al RASFF (Rapid Alert System for Food and Feed). Quest’ultima è l’agenzia europea il cui compito è da un lato fare da collettore degli avvisi di sicurezza provenienti dalle nazioni EU dall’altro di diffonderli tempestivamente.  L’importante è individuare la fonte di pericolo, il fattore di rischio che pone in essere la necessità di uno degli interventi citati.

Una volta riconosciuta la radice dell’emergenza scattano le opportune verifiche. Vengono effettuati gli accertamenti per determinare l’obiettività dell’emergenza sanitaria di natura alimentare. Se l’allarme è reale scatta uno dei provvedimenti citati. Tutto ciò sembra complesso, in verità lo è meno di quanto sembri.

Trattandosi di sicurezza dei consumatori, il sistema delle allerte alimentari è piuttosto rapido, efficiente ed efficace. Viene spiegato in maniera chiara ed esaustiva in 100 secondi di video messo a disposizione dell’utenza dall’ Istituto zooprofilattico delle Venezie. Il filmato, pur ambientato in Italia, rappresenta ciò che avviene in ambito europeo, essendo la normativa sulla quale si basano i vari provvedimenti di emanazione comunitaria.