Dean Corll, l’uomo delle caramelle: il serial killer pedofilo americano

Dean Corll, l’uomo delle caramelle: il serial killer pedofilo americano

Considerato tra i più brutali assassini maniacali statunitensi Dean Corll, l’uomo delle caramelle, è così ricordato perché attirava i ragazzini offrendo loro dei dolciumi. Purtroppo, prima di finire ucciso da un suo complice, ha assassinato almeno 28 ragazzi.  La catena di omicidi è nota anche come “Houston Mass Murders”: omicidi di Massa di Houston avvenuti nel trienni 1970 – 1973.

Cinico, brutale e freddo mentre torturava e uccideva Dean Corll, il serial killer delle caramelle, nella vita ordinaria appariva come una persona tranquilla e altruista, soprattutto con i ragazzini. Una sorta di dottor Jekyll e mister Hide. Con i giovani era di sicuro un abile manipolatore, al punto da procurarsi un adolescente che lo aiutasse ad attrarre le sue vittime. L’uomo delle caramelle, Dean Corll, per la sua crudeltà è considerato, negli USA in particolare, uno tra i serial killer più famosi della storia.

Dean Corll, il serial killer delle caramelle

Rispetto alle storie di altri serial killer, le quali iniziano con una triste infanzia fatta di abusi ed eventi traumatici; la vicenda di Dean Corll – considerato tra i più brutali assassini seriali americani – ha una chiave di lettura di difficile interpretazione riguardo le motivazioni che si celano dietro alla sua raccapricciante follia.

Dean nasce nel 1939, è un ragazzino timido, riservato e un po solitario; nonostante ciò la sua infanzia e adolescenza scorrono in modo piuttosto sereno. I genitori divorziano, si risposano e divorziano ancora, ma tutto avviene in un contesto consensuale tanto da non turbare il piccolo Corll, il quale prosegue la sua carriera scolastica senza alcun problema, lavorando inoltre nella fabbrica di dolciumi di famiglia.

Dean Corll, l’uomo delle caramelle: il serial killer pedofilo americano
Alcune vittime di Dean Corll

Dean Corll diventa Candy Man, l’uomo delle caramelle

Termina gli studi e si arruola nell’esercito, dal quale deciderà di congedarsi dopo dieci mesi.  Nonostante abbia servito in maniera impeccabile non si sente portato per la carriera militare. Torna a casa, riprende il lavoro nell’impresa familiare e da allora diviene noto nel suo quartiere con il soprannome di Candy Man, l’uomo delle caramelle. Dean Corll gode infatti di un’ottima reputazione ed è solito regalare ai ragazzini del posto i prodotti della sua fabbrica.

Un uomo tranquillo, gentile, generoso: è così che Candy Man riesce ad essere amico di tutti i ragazzi che incrociano il suo cammino. Tra di loro c’è David Brooks che, ancora ragazzino, comincia ad avere una relazione con l’uomo delle caramelle. Corll ama circondarsi di giovani ragazzi e talvolta li paga in cambio di favori sessuali.

Dean Corll: da Canndy Man a serial killer

A questo punto nella vita di Candy Man entra un altro ragazzino; si chiama Elmer Wayne Henley ed è un amico di Brooks.

Elmer Wayne Henley

Quest’ultimo lo presenta a Dean per un macabro gioco iniziato qualche tempo prima e consiste nel torturare, violentare ed uccidere ragazzi, solitamente amici di David. Elmer però piace all’ex militare e lo recluta affinché gli procuri altre vittime, in cambio di 200 dollari. Henley accetta. Uno ad uno porterà tutti i suoi amici a Dean.

Dean Corll aveva approntato un tavolo delle torture, dove immobilizzava le sue vittime per poi seviziarle e stuprarle, nonostante le implorazioni dei malcapitati. Amava uccidere strangolando anche se a volte sparava in testa e al petto. In questo modo, almeno 28 giovani sono stati massacrati.

La fine di Dean Corll, l’uomo delle caramelle

Il serial killer, con l’aiuto del suo complice Elmer Wayne Henley, opera indisturbato per anni ma l’8 agosto 1973 qualcosa va storto. Dopo alcuni imprevisti Henley porta a casa di Corll anche una ragazza e ciò sarà causa di profonda irritazione.

I due complici hanno un acceso scontro, in seguito al quale Elmer spara un colpo di pistola che ucciderà sul colpo l’uomo delle caramelle. Il ragazzo chiama la polizia, confessa l’omicidio e racconta la storia di Dean Corll – l’uomo delle caramelle – torturatore e assassino di oltre 28 ragazzi. Le vittime più giovani avevano 13 anni.

Fonte di ispirazione: lanonaporta.net