David Ray Parker, il serial killer con la stanza dei giochi

David ray parker il serial killer con la stanza dei giochi

Sono almeno sessanta le vittime di David Ray Parker, il serial killer con la stanza dei giochi. Lui stesso definì in questo modo il luogo dove torturò e uccise le donne cadute nelle sue mani. Costruì una camera attrezzata con strumenti di tortura dove coloro che finivano nelle sue mani venivano sadicamente seviziate, torturate e brutalizzate, prima di morire tra atroci sofferenze. A causa delle sofferenze che l’assassino procurava alle sue prede, probabilmente, loro stesse invocavano una rapida morte di certo migliore dei patimenti che stavano subendo.

Nella stanza dei giochi di David Ray Parker furono rinvenuti tutti gli attrezzi che il killer seriale americano usò sulle donne che finirono nelle sue mani. Fu lui stesso a battezzare così quel triste luogo di sofferenza. A causa del suo sadismo e dell’alto numero di omicidi attribuitigli la persona di David Ray Parker entra nella spietata classica dei serial killer più famosi della storia.

Potrebbe interessarti: Hubert Pilcik, il serial killer cecoslovacco e gli strumenti di tortura

La scoperta della stanza dei giochi di David Ray Parker

È il 22 marzo 1999 quando una donna completamente nuda, con il corpo dilaniato e vestita esclusivamente di un collare di ferro, raggiunge gli agenti di polizia in servizio per le strade di Elephant Butte, nel New Mexico (Stati Uniti). La donna ha il volto del terrore, nonostante ciò riesce a raccontare agli agenti la sua avventura durata tre giorni, durante i quali è stata sequestrata, legata ad una tavola all’interno di una roulotte in una strada sperduta della città, dunque torturata brutalmente da un uomo con i baffi.

David Ray Parker, il serial killer con la stanza dei giochi

Grazie alla testimonianza di Cynthia Vigil, la polizia raggiunge in breve tempo il carnefice, quello che si rivelerà essere uno dei serial killer americani più spietati della storia moderna.
David Ray Parker nasce nel 1939 a Belen, New Mexico, da una madre che non vedrà quasi mai. Cresce insieme al nonno, ma ciò non impedisce al padre di andare a trovare il suo amato David di tanto in tanto, giusto il tempo per abusare di lui ancora una volta.

Con una situazione del genere in casa, nell’ambiente scolastico non può andare meglio. Il suo aspetto di teenager piacente non è in grado di assicurargli un buon rapporto con i coetanei, che al contrario lo prendono di mira per la sua eccessiva timidezza, soprattutto nei confronti delle ragazze. È in questo periodo – come poi testimoniato dalla sorella – che David Ray Parker comincia a sviluppare una bizzarra passione: fa disegni strani, ritrae atti di violenza e poi colleziona foto di pratiche bondage.

A risentirne del caos materiale e mentale della vita di David sono anche le scarse prestazioni scolastiche, tuttavia riesce ad ottenere uno stentato diploma. Cominciò a lavorare come meccanico per poi arruolarsi nell’esercito dove svolse compiti legati alle competenze acquisite da civile. Finora, David Ray Parker è ancora un cittadino onesto, con un lavoro e nessun precedente a sporcargli la fedina penale.

L’arresto di David Ray Parker e la scoperta della stanza dei giochi

I racconti minuziosi di Cynthia Vigil, la donna riuscita a fuggire dalle mani dello spietato assassino seriale, condussero la polizia a quella roulotte in cui il suo carnefice viveva e giocava. Sì, perché – come racconterà senza rimorsi il serial killer quella è la sua stanza dei giochi, dove si sospetta che almeno 60 donne abbiano subito le agghiaccianti sevizie del timido David Ray Parker.

Ciò che accadeva in quel luogo venne subito accertato. Le donne adescate e poi sequestrate da David venivano legate ad un lettino da ambulatorio medico, acquistato appositamente per i giochi sadici, e successivamente torturate attraverso l’uso di vari strumenti, definiti amici dal serial killer.

Vennero rinvenute fruste, catene, carrucole, cinghie, morsetti, divaricatori, seghe e lame per uso chirurgico: tutti strumenti per costruire accuratamente la  sua stanza dei giochi. Parker spese nella sua lunga “carriera” oltre 100mila dollari. Affinché le sue vittime potessero osservare ogni singola tortura ricevuta, l’uomo applicò al soffitto un ampio specchio.

David Ray Parker, il serial killer con la stanza dei giochi

Le complici di David Ray Parker e la sua confessione

Ad aggravare questa storia già tristemente crudele sono le complici dell’assassino seriale. In contemporanea al suo arresto avveniva infatti quello di Cindy Hendy, fidanzata di David. Fu suo l’errore che condusse alla fuga dell’ultima vittima quel giorno di marzo, quando dimenticò sul tavolo il mazzo di chiavi delle varie serrature del covo. Quando Hendy si rese conto del tentativo di fuga, aggredì la vittima che tuttavia riuscì a difendersi grazie ad una delle armi servite alla sua stessa tortura: pugnalò la complice del killer e si mise alla ricerca di soccorsi nonostante le pessime condizioni in cui versava.

David Ray Parker, il serial killer con la stanza dei giochi

Dagli interrogatori – affrontanti dalla coppia con il sorriso sulle labbra – emerse una seconda complice: si trattava di Jesse Ray, figlia dell’assassino. Nonostante l’imputato stesso abbia confessato di aver torturato e ucciso oltre 60 donne, la legge del New Mexico restringe la condanna per omicidio solo in presenza dei resti delle vittime, in questo caso mai ritrovati.

Per questo motivo David Ray Parker non venne mai condannato per gli omicidi commessi, ma solo per le violenze sessuali e le torture. Morì nel 2002 in carcere a causa di un infarto, poco prima della sentenza definitiva.

Offerta
Serial killer. Storie di ossessione omicida
21 Recensioni
Serial killer. Storie di ossessione omicida
  • Carlo Lucarelli, Massimo Picozzi
  • Editore: Mondadori
  • Copertina flessibile: 338 pagine
I serial killer (eNewton Saggistica)
30 Recensioni
I serial killer (eNewton Saggistica)
  • Vincenzo Maria Mastronardi, Ruben De Luca
  • Newton Compton Editori
  • Formato Kindle
  • Italiano