@treminuti > Costume e società > Bullismo e cyberbullismo > Cosa rischia chi offende online? La Boldrini denuncerà chi l’ha insultata su facebook

Cosa rischia chi offende online? La Boldrini denuncerà chi l’ha insultata su facebook

Annuncia querele la presidente della camera Boldrini, oltraggiata online su facebook: Cosa rischia chi insulta online?

Cosa rischia chi offende online? Alcuni insulti postati su facebook contro la presidente della camera Laura Boldrini

 

Da tempo insultata  su internet la Boldrini intende denunciare i sui persecutori.

“Ho deciso che d’ora in avanti farò valere i miei diritti nelle sedi opportune” ha dichiarato su facebook aggiungendo che “ai nostri figli dobbiamo dimostrare che in uno Stato di diritto chiunque venga aggredito può difendersi attraverso le leggi”.

A corredo del post una serie dei commenti ingiuriosi contro la sua persona e l’hastag di battaglia #AdessoBasta.

La domanda ora è cosa rischia chi offende online?

Vista la statura del personaggio, la terza carica più importante dello stato, la vicenda ha avuto un enorme risonanza. Il caso dimostra che questi comportamenti, assimilabili al cyber-bullismo, sono trasversali. Interessanti è l’articolo: Bullismo nel mondo, le statistiche google sul fenomeno il quale mostra le statistiche del fenomeno. In ogni caso, C’è da scommettere che presto fioccheranno i provvedimenti verso coloro che hanno insultato la Boldrini.

Potrebbe interessarti l’articolo Bullismo a scuola: il MIUR deve risarcire i danni

Cosa rischia chi offende online: il reato di ingiuria

Il governo Renzi ha cancellato il reato di ingiuria con un decreto legislativo (il n. 7/2016). Tuttavia, le offese possono essere perseguite in sede civile attraverso un risarcimento economico da parte di chi offende. Non si parla più di denuncia e si dovrà considerare che intentare un’azione civile ha dei costi che vanno valutati nel momento in cui si decide la via giudiziaria.

Cosa rischia chi offende online: il reato di diffamazione

La diffamazione è un reato connesso alla persona, al diritto all’onore ed alla sua reputazione, si configura, genericamente, comunicando con più persone, offendendo  l‘altrui reputazione. Chi insulta attraverso i social rischia l’accusa di “diffamazione aggravata” per la quale si ha una condanna fino a 3 anni di reclusione e una multa fino ad euro 2.065. Inoltre il codice penale prevede che se l’offesa è recata ad un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza o ad una Autorità costituita in collegio, le pene sono aumentate. In tutti i casi si può aggiungere una richiesta di risarcimento del danno dalla parte lesa mediante un provvedimento civile. Fino a qualche anno fa, insultare attraverso i social configurava la diffamazione attraverso i mezzi stampa. Tuttavia, alcune sentenze della Cassazione hanno derubricato questa fattispecie in diffamazione attraverso mezzi di pubblicità.

Questo è cosa rischia chi offende online,  ma come denunciare un atto diffamatorio?

Il modo più semplice è di presentarsi alle forze dell’ordine con le stampe degli screenshot dei messaggi diffamanti, l’indirizzo internet degli stessi e tutte le altre informazioni utili. Non solo facebook o twitter ma anche un blog, un articolo, una mailing list o una chat sono considerati veicoli di diffamazione.  Anche in caso di apparente anonimato, le autorità hanno gli strumenti per risalire all’identità dei responsabili. In queste definizioni, molte delle persone vittime di bullismo o cyberbullismo si riconosceranno e avranno più  consapevolezza su come difendersi. Inoltre con la Legge 29 maggio 2017 n. 71 recante “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo” sono stati forniti gli strumenti giuridici per difendersi dai bulli del web.

Leggi anche:Come difendersi dai bulli e dal bullismo

Ben vengano, quindi, la denunce della  Boldrini come atto di sensibilizzazione contro chi utilizza internet e i social in modo improprio.

Leggi anche: Khoudia diop vittima del bullismo a causa della sua pelle troppo scura