@treminuti > Storia > commissione parlamentare P2 > Commissione di Inchiesta sulla Loggia massonica P2: la documentazione originale

Commissione di Inchiesta sulla Loggia massonica P2: la documentazione originale

Commissione di Inchiesta sulla Loggia massonica P2: la documentazione originale

Dopo il rinvenimento delle liste degli affiliati alla loggia massonica P2, per far luce sull’oscura vicenda fu istituita la Commissione Parlamentare di Inchiesta sulla Loggia massonica P2, nota anche come Commissione P2. Tina Anselmi, allora deputata della Repubblica, fu nominata presidente, coadiuvata nei lavori da tre vicepresidenti e due segretari.

I componenti della commissione P2, tra senatori e deputati, furono 42, compresi alcuni avvicendamenti. I lavori cominciarono il 9 dicembre 1981 e terminano il 10 luglio 1983. Un’enormità di documenti tra atti e relazioni furono prodotti dalla commissione. Il resto è storia: risultò che le liste erano da considerare autentiche e che la loggia P2 era, in pratica, un’organizzazione con fini illeciti e sovversivi.

Quest’ultima tesi fu avvalorata dal rinvenimento del Piano di Rinascita Democratica, il documento contenente il progetto di ricostituzione dello stato secondo le vedute del venerabile maestro Licio Gelli. Esso, in un primo momento confermò i contenuti del documento per poi minimizzarli, riducendoli ad un suo “punto di vista sull’andamento generale del paese”.

Commission P2: gli atti originali

Dopo essere stati digitalizzati, nel maggio del 2014 gli atti della Commissione Parlamentare di Inchiesta sulla P2 furono resi pubblici. Un’infinità di materiale nel quale è difficile districarsi. A tratti sconvolgenti le relazioni, le istruttorie, gli atti e i resoconti delle sedute sono il riflesso di un’associazione complottista con diramazioni in molti ambiti, alcuni inimmaginabili. Un pezzo di storia della repubblica avvolto nelle nebbie che l’encomiabile lavoro della commissione P2 ha diradato.

Si riportano, trascritti dalla versione originale, alcuni interessanti documenti che rendono onore al lavoro svolto dalla commissione presieduta da Tina Anselmi. Ogni articolo inizia con una premessa del redattore seguita dalla trascrizione originale del documento, con i relativi riferimenti.

Inoltre, si pubblicherà progressivamente la parte più significativa della documentazione frutto del lavoro della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia massonica P2. Una rara memoria storica contenente l’interpretazione dei fatti che avvennero in quegli anni bui della storia repubblicana. Fatti sui quali, grazie all’opera della Commissione presieduta da Tina Anselmi, almeno in parte si è fatta luce.

Lettura suggerita:

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
6 Recensioni
La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trenta anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti privati di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri, giornalisti, imprenditori. Molti personaggi sono tuttora in politica, da Berlusconi a Cicchitto, e tra i protagonisti c’è Flavio Carboni, oggi coinvolto nelle indagini sulla cosiddetta P3. Intanto il “Piano di rinascita democratica” di Gelli, che mirava a controllare la magistratura e svuotare le istituzioni democratiche, sembra avere nuovi adepti: “Peccato non averlo depositato alla Siae per i diritti – ha detto il Venerabile – tutti ne hanno preso spunto: ma l’unico che può andare avanti è Silvio Berlusconi…”.

Documento originali

Commissione P2: relazione conclusiva di Tina Anselmi

Gli atti originali della commissione P2