@treminuti > Costume e società > Bullismo e cyberbullismo > I bambini vittime di bullismo a rischio di sintomi psicotici

I bambini vittime di bullismo a rischio di sintomi psicotici

Una ricerca inglese dimostra che i bambini in età evolutiva che subiscono atti di bullismo rischiano di sviluppare psicosi

I bambini vittime di bullismo rischiano sintomi psicotici
I bambini vittime di bullismo a rischio psicosi

Uno studio condotto da ricercatori inglesi e australiani suggerisce che i bambini vittime di bullismo sono a rischio di sviluppare sintomi psicotici. Questa scoperta è significativa di quanto devastante sia il bullismo, soprattutto se esercitato in soggetti nell’età evolutiva.

La sintomatologia psicotica è importante; va dalla schizofrenia alle allucinazioni, passando per la depressione. Ciò lascia presagire la gravità della condizione in cui vive un bambino vittima di bullismo. Si deduce quanto la tempestività di intervento nei casi in cui emergano casi di bullismo è estremamente importante.

Naturalmente, genitori, tutori e insegnanti devono essere attenti osservatori per capire se sussistono casi di bullismo nei bambini. Essi sono particolarmente sensibili e ricettivi, quindi più portati a sviluppare sintomi psicotici. La prevenzione, in questi casi, è la migliore arma. Alla luce di questo studio si deduce che gli adulti hanno l’enorme responsabilità di far vivere i bambini in un ambiente sano.

Pericolo di psicosi nei bambini vittime di bullismo

Lo studio che ha dimostrato il legame tra la psicosi nei bambini e il bullismo è stato guidato dal professor Dieter Wolke, docente di psicologia evolutiva all’università di Warwick nel Regno Unito. Secondo lo studioso “quando parliamo di bullismo la vittimizzazione avviene ripetutamente, sistematicamente, è un abuso di potere con l’intento di ferire. I bambini che vengono presi di mira hanno meno capacità di gestire le situazioni, mostrano una reazione esplicita (piangono, ad esempio) e hanno pochi amici che possono accorrere in loro aiuto.”

In pratica, un bambino vittima di bullismo è disarmato rispetto tale fenomeno. Pertanto, somatizza la violenza che subisce sviluppando patologie psichiatriche quali sono le psicosi. Quindi, l’adulto deve essere attento nell’osservare eventuali sintomatologie che indicano l’insorgenza di psicopatologie. Peraltro, chi è vittima di atti di prevaricazione continuati nel tempo segnala, inconsciamente, la propria condizione di disagio. L’importante e riconoscere e cogliere i segnali del bullismo.

I bambini vittime di bullismo rischiano sintomi psicotici

Psicosi in bambini vittime di bullismo: i dati della ricerca

Per giungere ai risultati che dimostrano il rischio psicosi nei bimbi vittime di bullismo il dottor Wolke ha preso in considerazione un campione di 6437 bambini inglesi. L’area esplorata è stata l’Inghilterra sudoccidentale. L’osservazione è partita dai bimbi in post gravidanza fino ai 13 anni di età.

Per evitare che i dati potessero essere fuorvianti, i soggetti sono stati intervistati su base regolare, raccogliendo le informazioni  sia dai loro genitori che dagli insegnanti. I ricercatori hanno scoperto un rapporto diretto tra la frequenza con cui il campione è stato vittima di bullismo e la loro probabilità di sviluppare sintomi psicotici. La ricerca ha preso in considerazione anche la gravità degli episodi di bullismo.

I risultati suggeriscono che se alcuni bambini, particolarmente sensibili o timidi, sembrano essere più inclini all’esclusione sistematica o agli attacchi verbali o fisici ripetuti da parte dei loro pari, l’esperienza del bullismo vero e proprio rende gli stessi più soggetti a sviluppare problemi mentali.

Le interviste hanno rivelato che il 13,7% dei bambini era stato continuativamente vittima di bullismo nel corso di parecchi anni. La vittimizzazione è stata grave, il  5,2% dei bambini all’età di 10 anni ha subito atti vessatori tipici del fenomeno bullismo.

Inoltre, è stato dimostrato che i bambini vittime di bullismo fisico o mentale avevano il doppio delle probabilità di sviluppare sintomi psicotici nella prima adolescenza rispetto a quelli che non vivevano questa esperienza. Si è anche visto come i bambini che subivano il bullismo in forma grave per parecchi anni correvano un più alto rischio (fino a quattro volte in più) di sviluppare sintomi simili a quelli psicotici.

Bullismo e psicosi nei bambini: le conclusioni

“Essere vittime di bullismo ha una serie di conseguenze tra cui lo sviluppo di problemi di salute fisica, ansia aumentata e depressione, marinare la scuola e, nei casi più gravi, anche il suicidio,” ha spiegato il professor Wolke.

Ha poi aggiunto “Anche quando abbiamo verificato la presenza di altri problemi psichiatrici preesistenti, abbiamo mostrato che anche il cadere vittime di bullismo può avere gravi effetti sull’alterazione della percezione del mondo da parte della persona, come allucinazioni, manie e pensieri bizzarri, nei quali è ridotta la consapevolezza delle persone del motivo per cui questo accade”.

Lo studio eseguito conclude che: “Una delle maggiori conseguenze è che la vittimizzazione cronica e grave da parte dei pari ha dei notevoli risvolti negativi sul lungo termine”. Una conclusione da cui si deduce il rischio che nei bambini che subiscono bullismo il rischio di sviluppare malattie mentali in età adulta sia concreto.