Come funziona Bitcoin, la moneta virtuale più usata su internet

Bitcoin: la moneta più usata su internet

Come funziona Bitcoin: la moneta più usata su internet

Per le transazioni economiche in rete, Bitcoin è la moneta elettronica per eccellenza. Non è l’unica ma è la più nota. Ma come funziona Bitconin, la moneta virtuale più usata su internet?

La prima cosa da sapere è che trattandosi di una valuta digitale non ha un formato fisico. Non è neanche soggetta al controllo e alla gestione di un ente centrale. Semplicemente esiste nei computer del circuito Bitcoin il quale garantisce le transazioni mediante potenti sistemi di crittografia. Per questo Bitcoin è chiamata criptomoneta.

La criptomoneta Bitcoin ha un valore e delle quotazioni che possono essere visionate in apposite piattaforme. Sostanzialmente, il mercato Bitcoin lo fanno gli utenti stessi attraverso l’interscambio di moneta che interviene fra di loro.




Per visionare le quotazioni Bitcoin è sufficiente andare su Bitcoin charts dove si può trovare, ad esempio, il convertitore Bitcoin euro. Bitstamp, uno dei siti dove è possibile scambiare questa criptomoneta con soldi veri, permette di farsi un quadro esaustivo su come funziona bitcoin. Naturalmente, le monete elettroniche in generale e Bitcoin in particolare, hanno dei pregi e degli svantaggi.

Come funziona bitcoin: i vantaggi

Bitcoin permette di effettuare transazioni anonime, senza l’intermediazione di istituti di credito. La privacy, che può anche essere dimensionata dall’utente, è considerato uno dei maggiori favori derivanti dall’utilizzo di moneta elettronica. Così come la sua diffusione, essendo usata e  accettata anche da grandi aziende come Microsoft. Altro vantaggio è l’economicità, essendo bitcoin  al di fuori dei circuiti bancari le spese sulle sue transazioni sono inferiori, in generale, ad altri tipi di soluzioni tradizionali.




Come funziona bitcoin: gli svantaggi

 

Contrariamente al denaro corrente, che è possibile maneggiare, Bitcoin è una valuta totalmente virtuale. Il suo utilizzo prevede, pertanto, una minima conoscenza tecnologica e informatica per la gestione dei pagamenti e il mantenimento della moneta e questo è un sicuro handicap. Inoltre, il valore dei Bitcoin, rispetto ad una moneta tradizionale, è soggetto a fluttuazioni incontrollate.

Un’altro fattore di rischio è che le transazioni effettuate in Bitcoin sono irreversibili, una volta effettuate non è possibile tornare indietro.

Altro aspetto da valutare è che nonostante la moneta virtuale sia molto diffusa non è universalmente accettata. Ci sono aziende e organizzazioni che accettano transazioni solo in valute tradizionali.

In generale, per generare  Bitcoin e utilizzarla ci si rivolge a piattaforme dedicate sulle quali è possibile scaricare i software necessari.  Ci sono siti che permettono di fare tutto on line senza l’utilizzo di programmi installati in locale. Il sito di riferimento per l’utilizzo di Bitcoin e per la sua documentazione completa si trova qui.

Se ti è piaciuto l’articolo e vuoi sostenere il sito clicca su un contenuto sponsorizzato. Grazie.

Contenuto sponsorizzato